Cherry Plum. Il compresso, la paura di esplodere!

Cherry Plum. Il compresso, la paura di esplodere!

“Paura di avere la mente sovraffaticata, di perdere la ragione, di compiere azioni terribili e spaventose, non volute, che si sanno essere sbagliate e che non si vogliono fare ma che tuttavia vengono alla mente e che si ha l’impulso di fare.” Edward Bach

E’ così che Edward Bach definisce il personaggio Cherry Plum.

Appartiene al gruppo della paura insieme a Mimulus, Rock Rose, Aspen e Red Chestnut. E’ un personaggio teso, gonfio ma rigido. Dominato dalla razionalità, sopprime il suo istinto e la parte emotiva di sè. Sensibile e dotato di grande intelligenza, fatica a spiccare il volo perchè teme di perdere il controllo di sé e delle proprie forze. Teme la perdità della lucidità mentale. Teme di abbandonarsi. Fatica ad esprimere le proprie emozioni, a condividerle.

I sintomi più comuni di Cherry Plum potrebbero essere:

  1. negazione del desiderio sessuale, repressioni sessuali
  2. stitichezza
  3. rigidità
  4. insonna
  5. psicosi
  6. allucinazioni
  7. gonfiori di pancia
  8. casi di anoressia
  9. paura di non poter sopportare forti dolori
  10. schizofrenia
  11. impulsi violenti
  12. scatti d’ira
  13. balbuzie
  14. cistite

Andando a lavorare sullo stomaco e sul plesso solare, il rimedio aiuta in quei casi in cui abbiamo paura di non farcela.

Cherry Plum lo considero il fiore che, per eccellenza, è il più “incastrato” nei dogmi e nelle convenzioni sociali. La paura del giudizio nel fare qualcosa che “sentiamo” ma che non “sta bene, non si fa”. Teme di essere fuori luogo. Si nega l’abbandono alle proprie pulsioni e al proprio istinto per paura di perdere il controllo e fare qualcosa di socialmente non comprensibile, qualcosa da condannare.

Antropologicamente, Cherry Plum, è l’emblema del Tabù.

In generale, il personaggio Cherry Plum in squilibrio, deve lavorare sulla spontaneità, sull’accettazione del proprio lato ombroso, dei propri lati negativi e delle proprie pulsioni, Deve ritrovare la propria individualità e la propria unicità. Dovrebbe evitare tutti i cibi eccitanti in generale e praticare giochi e/o attività che sviluppino spontaneità e creatività.

Deve lavorare sul “lasciare andare”, sulla morbidezza, sulla parte yin e gli sarebbero molto utili, trattamenti linfodrenanti e idroterapia dolce.

Ti suggerisco di leggere la leggenda Cherokee del “lupo bianco e del lupo nero”.

Sei perfett* così.

ioViola

About Author