GLI ESSENZIALI DI FEBBRAIO: 5 GESTI DI PURIFICAZIONE

Email Newsletter

Iscriviti alla mia newsletter mensile via e-mail per rimanere aggiornato con le ultime notizie, articoli e storie di ioViola:

Febbraio deriva dal latino “februare” e significa purificare.

Nel calendario romano, era il mese dedicato ai Riti di Purificazione con il loro apice il 14 febbraio durante la festa dei Lupercali (ultime festività romane ad essere state abolite dai cristiani). Infatti, nel calendario romano, febbraio precedeva l’inizio di un nuovo anno che coincideva con marzo.

Attraverso i Lupercali, con lunghe fiaccolate rituali, ci si preparava al meglio per il passaggio da un ciclo all’altro e i riti erano celebrati sia per accogliere il nuovo anno sia per scacciare le difficoltà che il mese di febbraio portava con sé: il freddo e la secchezza del mese, le scorte invernali che volgevano al termine, gli animali affamati che si avvicinavano sempre più ai villaggi in cerca di cibo minacciando il bestiame, quindi, seppur nell’aria il sentore del risveglio iniziava a sentirsi, è pur vero che c’era ancora da resistere. Si pensa che i Lupercali fossero infatti celebrati in onore di Fauno, protettore del bestiame dall’attacco del lupo (ma è solo una delle tante ipotesi).

Oggi, tracce di questi antichi rituali si trovano nella Candelora, Festa di presentazione al Tempio di Gesù, festeggiata il 2 febbraio. In questa occasione vengono benedette le candele che oltre all’illuminazione, simboleggiano anche il fuoco della purificazione.

Questa festività, che cade esattamente 40 giorni dopo il Natale ha un fondamento biblico: dopo il parto, per la Legge di Mosé, la donna rimaneva impura per 40 giorni (se il bambino era maschio mentre 66 se femmina) dopo i quali doveva avvenire, insieme al sacrificio rivolto a Dio per la nascita del figlio, anche la sua stessa purificazione.

La Candelora oggi volta a festeggiare il Signore, in realtà è una festa del Femminile perché, come scritto sopra, si trattava della purificazione della Madre. Infatti, prima della riforma, nel calendario tridentino, era chiamata Purificazione della Beata Vergine.

La purificazione del fuoco rappresentato dalla candela, sarà lo stesso che il giorno dopo, il 3 febbraio, verrà usato per la benedizione della gola in occasione di San Biagio.

Questa introduzione, lungi dall’essere esaustiva, è però doverosa per comprendere perché febbraio venga ritenuto il mese della purificazione e per capire il significato profondo che sta alla base di questo periodo.

Ecco allora che vorrei darti la lista dei miei 5 GESTI DI PURIFICAZIONI ESSENZIALI da fare ogni qualvolta se ne senta l’esigenza o, come in questo caso, quando l’energia è favorevole per questa attività. Inoltre il 2 febbraio segue la Luna Nuova del primo giorno di questo mese quindi il contesto, a livello energetico, è davvero fantastico!

  1. SMUDGE DI SALVIA (leggi anche il post)

Il Smudge Stick è un fascio di foglie, fiori o sottili rametti essiccati (solitamente viene usata la salvia) avvolti da un filo di cotone. Lo trovi in una valida erboristeria: puoi acquistarlo oppure cimentarti nel fai da te. Nelle popolazioni sciamaniche, viene utilizzato come vero e proprio rituale di purificazione per ambienti, oggetti e persone.
Il più famoso è lo smudge di salvia ma può essere fatto anche con cedro, rosmarino o lavanda. Grazie alla loro alta composizione di oli essenziali, gli smudges hanno una funzione antibatterica, profumano in modo naturale l’ambiente e migliorano la respirazione.
Lo smudge di salvia, funziona come il legnetto di palo santo: si accende l’estremità superiore con una fiamma, lo si lascia consumare di un centimetro, poi lo si spegne soffiando sopra in modo che continui a bruciare. Non si consumerà tutto, si spegnerà da sé dopo pochi minuti e lo potrete riutilizzare. Una volta acceso, potete portarlo per casa insistendo negli angoli, dietro le porte e dietro la testiera del letto.

  1. MIRRA E INCENSO IN GRANI (guarda il reel)

Mirra e Incenso hanno proprietà antibatteriche, antisettiche, purificano gli ambienti, sono molto utili contro le affezioni delle vie respiratorie e per purificare ambienti dove c’è un malato. Contribuiscono a pulire le energie sottili portandoci in profondità acquietando l’animo più agitato. Solitamente, prima di purificare con questo strumento, faccio prima areare bene la casa poi richiudo ed inizio la purificazione.
Qui ti servirà un piattino, il porta carboncino e mirra ed incenso in grani: accendi il carboncino con un accendino, posalo sul rialzo che avrai già disposto sul piattino e aggiungi qualche grano di mirra e incenso. Porta il piattino in ogni stanza lasciandolo per 5 minuti in ciascuna con la porta chiusa (nella camera da letto, lo poso direttamente sotto al letto). Dopodiché, fai areare nuovamente. Una volta terminata la purificazione, il carboncino potrebbe ancora fumare e, soprattutto, è molto importante che si raffreddi e che anche la brace interna si spenga del tutto per non rischiare incidenti. Quindi, lascialo all’aria aperta sul davanzale o sul balcone per qualche ora prima di gettarlo assicurandoti che sia esaurito.

  1. ACQUA LUNARE e CRAB APPLE (guarda la diretta sulle Acque Lunari)

Aiutiamoci anche con i Fiori di Bach! In questa diretta avevo parlato delle acque frequenziali e vibrazionali tra cui anche le acque lunari: esponi una bottiglia di vetro colma d’acqua sul davanzale della finestra durante la Luna Nuova per caricarla con l’energia di un nuovo ciclo che ha inizio. Aggiungi all’acqua 7 gocce di Crab Apple (un Fiore di Bach che trovi in qualunque erboristeria e nelle farmacie con il reparto naturale).

Usa l’acqua per pulire oggetti che utilizzi spesso, aggiungine un bicchiere per pulire i pavimenti di casa o lavare le superfici che possono essere bagnate (tavolo da pranzo, bancone della cucina etc…)

Utilizzala per pulire la porta di ingresso di casa sia all’interno che all’esterno e se hai un piccolo specchietto, appendilo fuori dalla porta. Aiuterà a “riflettere via” le energie indesiderate e a non farle entrare in casa

  1. CANDELA BIANCA

Prendete una candela bianca e pulitela con un panno leggermente umido (meglio ancora se inumidito con l’acqua lunare e Crab Apple). Posizionatela in un punto della casa rivolto a Nord e accendetela dalle 18 in poi. La candela porterà simbolicamente luce e calore laddove solitamente ce n’è di meno aggiungendo serenità e tranquillità all’ambiente.

  1. PULIZIA DI CASA

Ultimo ma non meno importante, ritengo che sia la base da cui partire. I gesti di purificazione elencati sopra, dovrebbero essere svolti sul pulito. Si parte dal basso per arrivare all’alto: pulire pavimenti e superfici per arrivare a purificare l’aria. Quindi un riordino generale del luogo in cui abitiamo e una bella pulizia generale dell’ambiente faranno sicuramente fluire meglio le energie. Come suggerito nel punto 3, puoi aiutarti utilizzando acque mariane, frequenziali, vibrazionali e lunari per una marcia energetica in più alle pulizie!

Ora non hai che l’imbarazzo della scelta ma ti suggerisco caldamente di non far mancare mai il punto 5.

Buona purificazione!