I love Fiori di Bach

I love Fiori di Bach

I fiori di Bach sono rimedi fantastici. Edward Bach, già nel 1928, ha l’intuizione che nei fiori e nelle erbe sia celata un’energia curatrice comprendendo, inoltre, che la manifestazione della malattia non sia altro che l’ultima tappa di un lungo viaggio durante il quale sono stati ignorati segnali che il nostro essere stava cercando di mandarci.

Per Bach la malattia scaturisce per due principali motivi:

  1. la separazione tra essenza e personalità: la dissociazione tra quello che effettivamente e veramente siamo e sentiamo e quello che invece agiamo. Sotto un’ottica antropologica, potrei definirla come “costrizione sociale e culturale”. La nostra società e la nostra cultura infatti, forniscono un “mansionario”, un “vocabolario”, una procedura comportametale che spesso cozza con il nostro sentire, con la nostra volontà di esprimere le emozioni e sentimenti allontanadoci con le azioni dal nostro vero sentire.
  2. il danno verso l’unità: noi e il mondo siamo parte di un’unica unità e la vita è il frutto dello scambio tra i due. Quando questo non avviene perchè proviamo odio, rabbia e rancore, impediamo questo scambio generando un danno che inquina ed intossica il nostro organismo lasciando terreno fertile alla malattia.

I fiori di Bach si dividono in 7 gruppi:

  1. Paura: Mimulus, Aspen, Cherry Plum, Rock Rose, Red Chestnut
  2. Incertezza: Cerato, Scleranthus, Gentian, Gorse, Hornbeam, Wild Oat
  3. Insufficiente interesse per il presente: Clematis, Honeysuckle, Wild Rose, Olive, White Chestnut, Mustard, Chestnut Bud
  4. Ipersensibilità alle influenze e alle idee: Agrimony, Centaury, Walnut, Holly
  5. Scoraggiamento e disperazione: Larch, Pine, Elm, Sweet Chestnut, Star of Bethlehem, Willow, Oak, Crab Apple
  6. Preoccupazione eccessiva per il benessere altrui: Chicory, Vervain, Vine, Beech, Rock Water
  7. Solitudine: Water Violet, Impatiens, Heather

38 rimendi quindi, più il Rescue Remedy, il “pronto soccorso”, formulato da 5 essenze floreali: Rock Rose, Impatiens, Clematis, Star of Bethlehem e Cherry Plum.

I fiori agiscono a livello energetico rimettendo in equilibrio il nostro asse emotivo. Non tolgono e non restituiscono nulla. Sono rimedi potenti che vanno a toccare corde sottili, importanti e profonde di noi.

Seguimi nelle prossime settimane per scoprire le loro singole caratteristiche, la mia personale esperienza e quella dei meii utenti.

Buonanotte, sei speciale.

ioviola

About Author