Single Blog

La tristezza: organi ed emozioni nella medicina cinese

Come avrai visto nel mio articolo precedente sulla rabbia (per leggerlo clicca qui), la qualità e l’equilibrio emozionale sono parte integrante della medicina tradizionale cinese. Nell’articolo, abbiamo visto in quale organo risiede tale emozione per questa medicina tradizionale (scopri dove) e ti avevo proposto qualche punto da trattare (guarda quali). Oggi faremo lo stesso percorso parlando dell’emozione della tristezza.

 L’emozione di tristezza include il rimorso, l’afflizione, il rimpianto per il passato. E’ uno stato emotivo che indebolisce energeticamente l’organo Polmoni. Solitamente si manifesta con incarnato chiaro, voce debole, sudorazione notturna, tosse secca, bocca e gola secche. L’abitudine di restare molte ore seduti alla scrivania può causare un deficit ai Polmoni perché limita la respirazione impedendo il libero fluire dell’energia e con il tempo provocare tristezza.

Un punto utile per l’autotrattamento è il punto LU9, sulla piega del polso, appena a lato dell’arteria radiale. E’ particolarmente adatto per tonificare un deficit energico dei polmoni ed è indicato in caso di tosse, dispnea e sensazione di oppressione al torace.

PUNTO LU9
PUNTO LU9

La tristezza, a lungo andare, può anche però colpire l’organo Cuore creando un deficit energetico e provocando raffreddore, astenia, palpitazioni e sospiri. Quando la tristezza colpisce anche il cuore è utile il trattamento di un punto che possa rinforzare sia Polmoni che Cuore: CV17.

CV17 è un punto che tonifica l’energia generale ed è strettamente correlato a quella di Cuore e Polmoni. Si trova sulla linea mediana dello sterno, a livello del punto di incontro del quarto spazio intercostale e lo sterno. E’ particolarmente indicato in caso di stress emotivo, dolore e oppressione toracica, propensione ad ammalarsi di raffreddore, facilità al pianto e aiuta molto la respirazione che sostiene il libero fluire dell’energia.

PUNTO CV17

Entrambi questi punti possono essere trattati con la Moxa sempre in ottica di tonificare la carenza dell’energia Polmoni e Cuore.

Come sempre, questi sono consigli generali. Prima di trattare un punto è sempre necessario avere chiaro il quadro generale. Infatti, per quello che riguarda CV17, se fosse presente anche un deficit di Stomaco e Milza, CV17 da solo non sarebbe sufficiente ma andrebbe utilizzato insieme ad altri punti come ST36, CV12 e CV6.

Parlare solamente di punti e moxa per il trattamento di emozione è comunque sempre riduttivo. E’ sempre necessario considerare il quadro completo della persona in ottica olistica che possa prendere in considerazione tutti i nostri piani: fisico, mentale, energetico oltre che emozionale. A questo puto, dai anche un’occhiata al mio articolo su 10+ tecniche per gestire tristezza e malinconia.

Comments (0)