to 14 up 16 Day #olistichallenge

to 14 up 16 Day #olistichallenge

Volià, in 16 giorni ho perso 1,4 kg. Direi più che buono! :-)

Non ho approfondito la parte alimentare ma credo sia interessante darvi alcuni spunti e raccontarvi anche questo tipo di routine. Premetto che sono vegana ma non ferrea per quel che riguarda i latticini che, raramente, introduco con il farmaggio. Sono certa dell’importanza di mantenere una certa flessibilità ed elasticità mentale perchè, se così non fosse, si ripercuoterebbe anche sul nostro atteggiamento nei confronti della vita. Troppa selettività porta solitudine sia alimentare che relazionale. La selettività è un argomento affascinante ed è la mia focus area principale :-)

Iniziamo dai pasti.

La mia colazione è fatta di una buona tazza di caffè, una scodella di latte di soia (non zuccherato) e due cucchiai di avena ai quali aggiungere un cucchiaino di semi di lino. Avena e semi di lino aiutano moltissimo il transito intestinale e regolano le evacuazioni.

Durante la mattinata non faccio spuntini ma anticipo il pranzo alle 11.00

Mangio sempre un’insalata di verdura mista con aggiunta di frutta secca (mandorle e noci) e/o olive e pomodorini secchi. Poi, un piatto abbondante di verdure cotte a seconda della stagione (broccoli, fagiolini, verdure miste grigliate,asparagi….) e, quando me la sento, accompagno il tutto o con un panino integrale oppure con cereali integrali come farro o riso.

Non peso nulla. Mangio la porzione che penso mi soddisfi. Nel pomeriggio tendo a non fare nessun spuntino ma, come in mattinata, anticipo la cena alle 18,30. Più che cena è un merendone :-)

Mangiare presto prima del riposo notturno è un’abitudine molto importante. Non ti appesantisce e concede la possibilità all’organismo di concentrarsi principalmente sulla sua rigenerazione notturna e non sul processo digestivo. Tendenzialmente, bevo sempre una zuppa di miso, mangio proteine vegetali (come tofu o seitan) accompagnate da verdura.

Durante tutta la giornata, bevo solo acqua.

Quella che vi ho elencato, potrebbe sembrarvi una routine alimentare sterile e senza gusto ma quello che vi ho scritto è il “filo rosso” alimentare delle mie giornate. Come tutti, amo fare gli apertivi con gli amici dove di certo non mi faccio mancare sgranocchiate di patatine e noccioline e, sicuramente, adoro uscire a cena in buona compagnia, non di certo alle 18,30, pasteggiando con del buon vino. Cene e aperitivi, però, non sono all’ordine del giorno ed è proprio questo l’importante e, soprattutto, è ciò che ti fa apprezzare tantissimo quei momenti…

Vi abbraccio tanto.

ioViola

About Author